Scarpe col tacco, croce e delizia per il genere femminile. A chi non è mai capitato di acquistare delle scarpe e di ritrovarsi con dei terribili dolori ai piedi dopo averle indossate?

Quale donna non ha sempre sognato di indossare dei tacchi vertiginosi senza provare alcun dolore? Spesso però tutto questo sembra un’utopia…a meno che non si sappiano scegliere le scarpe in maniera oculata.

Tutte le donne che non vogliono rinunciare alle scarpe alte ma che, allo stesso tempo, non intendono più ritrovarsi a piangere dal dolore saranno felici di sapere che esiste un metodo ben preciso per acquistare solo i modelli comodi. Si tratta di una questione di centimetri: bisogna infatti misurare la distanza tra suola e tacco poiché è proprio questa che determina la pendenza e, dunque, la comodità della scarpa. Più questa misura aumenta, più la calzatura sarà confortevole.

Meglio quindi prevenire (per evitare il peggio) e affidarsi a questo metodo infallibile: maggiore sarà la distanza (quella ideale misura, o ancor meglio supera, i 3 centimetri), più confortevole sarà la scarpa. Se invece la distanza è inferiore ai 2,5 centimetri, lo spazio tra tacco e punta sarà minore e il peso del corpo si concentrerà quasi interamente verso le dita dei piedi.

Inoltre esistono altre variabili per scegliere le scarpe col tacco più comode: meglio optare per dei modelli con il tacco largo piuttosto che a spillo. L’effetto sarà uguale ma il dolore sarà sicuramente minore.

E' bene anche prediligere le scarpe con plateau che riesce ad attutire la pressione del piede ogni qual volta si fa un passo e non la scarica completamente sulla pianta; infine per indossare scarpe comode la regola numero uno è che queste siano della misura corretta in relazione al vostro piede.